Browse Author by admin
Lavoro

Come Aprire Allevamento di Lumache

Una delle attività più “originali” che in questi ultimi anni sta prendendo sempre più piede in Italia riguarda l’allevamento di lumache, propriamente detto elicicoltura: questo genere di attività consiste, in sostanza, nell’allevare a ciclo biologico completo la cosiddetta chiocciola da gastronomia, che poi verrà venduta ai ristoratori.
L’elicicoltura è un’attività che si differenzia molto a seconda dei Paesi nei quali viene praticata: in Italia, ad esempio, l’allevamento di lumache da gastronomia si effettua all’aperto, mediante un’apposita recinzione che separa le lumache da accoppiamento da quelle “da ingrasso”. Queste ultime, infatti, sono quelle che verranno vendute all’utente finale, mentre le lumache da accoppiamento verranno “riutilizzate” per far nascere altre lumache.

In Spagna ed in altre nazioni come ad esempio la Francia, invece, la chiocciola viene allevata essenzialmente al chiuso, in condizioni quindi artificiali (in serra, contenitori od ambienti al chiuso) dove viene fatta accoppiare, depone le uova e può anche diventare adulta. Questo metodo di allevamento effettuato in questi paesi europei si differenzia molto dall’impostazione italiana, in quanto necessita di un continuo lavoro per la pulizia, per l’apporto di alimenti dall’esterno e per l’irrigazione artificiale, oltre al fatto che al coperto la lumaca può andare incontro a problemi di assimilazione di anidride carbonica e ciò significa che è richiesta una maggiore manutenzione. Il vantaggio, invece, può essere quello legato alla protezione da insetti e roditori, che al chiuso hanno minori possibilità di attaccare la chiocciola rispetto a quanto avverrebbe negli allevamenti di lumache all’aperto.

In ogni caso, il giro del pascolo e della riproduzione varia a seconda dei climi presenti nelle diverse zone d’Italia. Nell’Italia del nord – centro, ad esempio, esso è svolto a partire dal mese di marzo ad ottobre, mentre in Italia del Sud esso può partire da Febbraio a Novembre, così come avviene nelle Isole. Al pascolo segue il letargo, comune e fisiologicamente indispensabile a tutte le specie.
La lumaca è un mollusco ermafrodita insufficiente: ciò significa che da ogni coppia fecondata si ottiene una duplice deposizione di uova. La deposizione è di circa 40-80 uova per ogni chiocciola, e nei nostri climi accoppiamento e deposizione avvengono generalmente due volte all’anno.

Cosa bisogna sapere per avviare un attività di allevamento di lumache?
Per l’avvio di un impianto di almeno 5000 mq. occorrono circa 25.000 lumache, ma anche del materiale di recinzione perimetrale e recinzione interna, ed il materiale per la semina e circa 500 h di lavoro per la costruzione dell’impianto. Un investimento, insomma, che non tutti possono permettersi e che, se fosse l’unica attività svolta, probabilmente non potrebbe fornire una buona garanzia valida per tutto l’anno: non è un caso infatti che diverse aziende elicicole italiane sono in gran parte condotte da persone che hanno anche un’altra attività, per lo più allevamenti di bestiame o comunque altre attività nel settore agricolo. In ogni caso, negli ultimi anni le tecniche di allevamento si sono perfezionate ed oggi si può contare su di una resa media che, a gestione corretta, si aggira sui 15/20 soggetti vendibili per ogni riproduttore selezionato e introdotto in allevamento.

Il settore nel quale andrete a vendere le vostre lumache si divide tra i mercati ittici, le sagre e le feste popolari, i mercati generali ortofrutticoli, ed eventuali consorzi. La lumaca viene venduta sia al naturale che in diverse preparazioni, che quindi prevede anche la trasformazione e la conservazione all’interno dell’attività stessa, con diverse differenze a seconda del tipo di conservazione e delle regioni: il prodotto surgelato riguarda principalmente le regioni del Nord Italia, è poco presente nelle zone del Centro e praticamente inesistente al Sud. Il prodotto in salamoia, invece, è abbastanza venduto in diverse regioni: esso consiste in barattoli di latta contenenti molluschi già cotti in salamoia naturale e pronti per essere cucinati, mentre una piccola parte è rappresentato da antipasti, sughi e patè a base di lumache.

Concludendo, avviare un allevamento di lumache da la possibilità di lavorare all’aria aperta, crearsi un occupazione “in proprio” o eventualmente integrare un’attività agricola già esistente o svolgere l’attività di allevamento part-time.

Soldi

Caratteristiche e Tipi di Obbligazioni

Le aziende private e gli enti pubblici che necessitano di fondi per le proprie attività possono chiedere finanziamenti presso istituti di credito, ma anche rivolgersi al mercato dei risparmiatori, emettendo obbligazioni (spesso chiamati con il termine inglese bond). Pertanto, i risparmiatori, acquistando un titolo obbligazionario, diventano creditori dell’ente emittente, il quale, a sua volta, si obbliga a pagare interessi (anche periodici) ed a rimborsare il capitale ad una scadenza prefissata.
All’emissione, l’azienda debitrice definisce il tasso al quale il prestito è regolato, la periodicità del pagamento degli interessi e la data di scadenza per il rimborso. A sua volta, il risparmiatore, sottoscrivendo obbligazioni, diventa creditore della società o ente che le ha emesse e acquista il diritto alla restituzione del capitale prestato, nel termine ed alle condizioni stabilite dall’emittente.

A differenza delle azioni, che esprimono il possesso di una parte del capitale di una società, le obbligazioni danno il diritto alla riscossione degli interessi e del capitale investito. Mentre l’azionista è socio della società emittente, l’obbligazionista ne è creditore. Quindi l’azionista partecipa alle sorti della società e ha un ritorno dall’investimento che è direttamente collegato, nel bene e nel male, ai risultati economici dell’azienda. L’obbligazionista, invece, ha un ritorno dell’investimento che non dipende dai risultati aziendali, se non quando questi sono talmente negativi da rendere impossibile il rimborso del debito.

Le obbligazioni sono titoli di credito emessi da
– Stati Sovrani. I titoli di Stato italiani sono Bot, Cct, Ctz, Btp.
– Società. Le obbligazioni societarie, o corporate bond, sono le obbligazioni emesse da banche, in questo caso si parla di obbligazioni bancarie, aziende e società private.
– Enti Sovranazionali. Sono organismi bancari internazionali creati e garantiti da comunità di Stati (UE), non appartenenti ad un unico specifico paese, che raccolgono fondi per finanziare progetti governativi o di aziende private in diverse parti del mondo.Tra gli enti sovranazionali più importanti figurano European Investment Bank (BEI), la European Bank for Reconstruction and Development (EBRD), World Bank (IBRD), Fondo Monetario Internazionale.

Sulle obbligazioni grava un’aliquota fiscale sugli interessi. Inoltre anche le plusvalenze eventualmente realizzate sono tassate con la stessa aliquota.
In relazione al flusso degli interessi periodici, cioè al pagamento delle cedole, ed al rimborso alla scadenza del capitale, che è pari al valore nominale, le tipologie principali di obbligazioni, da cui derivano tutte le altre, sono le seguenti:
– Tasso fisso. La cedola rimane fissa per tutta la durata dell’obbligazione. Alla scadenza l’investitore riceve una somma di denaro pari al valore di rimborso dei titoli, mentre durante la storia dell’obbligazione riceve gli interessi con una cedola trimestrale, semestrale o annuale. I più noti sono i Btp (Buono del Tesoro Poliennali), titoli pluriennali con scadenze anche di 30 anni, che prevedono una cedola fissa semestrale o annuale.
– Tasso variabile. Gli interessi maturano in funzione di determinati parametri, come ad esempio l’Euribor, gli indici azionari, i prezzi di azioni, i tassi di cambio, e quant’altro. I più noti sono i Cct (Certificato di Credito del Tesoro) titoli pluriennali che pagano cedole semestrali determinate in base all’andamento dei tassi dei Bot.

Molto interessanti.

Soldi

Come Monetizzare i Siti

Perché fare business online? Suona come una semplice domanda, ma è una domanda che viene posta spesso troppo tardi da parte delle imprese. La maggior parte delle imprese infatti rispondono a questa domanda dicendo che l’importante è essere online .

Questa è pura follia!

Se il nostro obiettivo è quello di creare un business online , il vostro principale compito dovrà essere quello di guidare i vostri utenti . Potreste indurre il visitatore ad acquistare prodotti direttamente dal tuo sito. Oppure potreste indurre un potenziale cliente a chiamare il vostro ufficio e richiedere un preventivo. Infine potreste tentarlo ad iscriversi al vostro sito o alla newsletter aziendale.

Come procedere

Se il vostro sito web non sta dando i frutti che avevate sperato o se siete agli inizi di un progetto di business sul web , sarà necessario concentrare tutta la vostra attenzione sulla linea da seguire . L’idea dovrà essere quella di strutturare il vostro sito web in modo che provochi un certo comportamento del vostro visitatore .

Tre modelli chiave per fare business online:

E COMMERCE : la vendita di beni.
SERVICE PROVIDER : accumulare clienti offrendo servizi.
CONTENT DRIVER : generare introiti pubblicitari grazie ai contenuti del vostro sito .
Ognuno di questi modelli richiede un approccio diverso di fare business online.

Vendere on-line

Un sito di successo di e-commerce deve avere i seguenti elementi:

Prodotti che la gente vuole comprare (il proverbiale gioco da ragazzi)
Una presentazione dei prodotti in un modo che li rendano attraenti per il compratore
sufficiente descrizione dei prodotti
Una procedura di checkout snella, intuitiva ed efficiente
FIDUCIA : il sito deve generare la fiducia nel potenziale cliente
solido servizio clienti
Fornitori di servizi (SERVICE PROVIDER)

Un sito web per un fornitore di servizi richiede:

Servizi Multipli : Il potenziale cliente ti deve scegliere perchè i servizi che offri fanno al caso suo .
Pagina “Biografia” (con credenziali)
Pagina “Dicono di noi”
Pagina “Casi di studio”
Dovrai dimostrare una comprovata esperienza
Blog
Stampa (articoli e recensioni alla tua attività)
Premi
Prezzo : Non importa quanto sei bravo o quello che fai, il prezzo sarà sempre un fattore importantissimo . Se siete agli inizi , puntate su un prezzo basso per acquisire clienti .
“Richiesta di un preventivo” , inutile offrire servizi se poi non avete il form per richiedere un preventivo . In questo caso la vostra risposta dovrà essere il più veloce possibile .
“Telefonare per appuntamento”
“Contattaci” (e-mail)
Portali con molti contenuti (Siti web content driven)

I siti web a contenuto variabile sono probabilmente i più difficili da monetizzare. C’è una grande quantità di concorrenza là fuori e gli inserzionisti sono molto attenti a quali siti scegliere per investire in visitatori .

Per avere un traffico sufficiente sul tuo sito di contenuti, è necessario:

Fornire informazioni uniche, utili e divertenti
La vostra scrittura deve essere di prima qualità. C’è un sacco di scrittura terribile sul web.
Assicurarsi che il contenuto venga aggiornato frequentemente. In un portale , gli articoli dovrebbero essere aggiornati quotidianamente (e spesso con frequenti aggiornamenti ogni giorno)
Assicurarsi che il contenuto sia integrato con i social media. Lascia la facoltà ai tuoi lettori di condividere i tuoi contenuti
Incoraggiare la partecipazione dei visitatori
Abilita i commenti ai tuoi articoli
Abilita i giudizi (espressi in voti) ai tuoi articoli
Concorsi
Dai la possibilità ai tuoi utenti di registrarsi e/o abbonarsi ai feed rss
Incoraggia la fedeltà dei tuoi utenti attraverso la personalizzazione del proprio profilo .
Stipula accordi con aziende e offi offerte speciali ai tuoi utenti fidelizzati
Personalizza il più possibile ogni aspetto del tuo portale .
In conclusione

Essere online senza una specifica strategia comporta invariabilmente ad avere un sito che non riesce a generare qualsiasi tipo di attività significativa . Per questo motivo oggi avere successo sul web significa capire in quale campo stiamo agendo , e di conseguenza la conoscenza dei modi per monetizzare il vostro sito .

Lavoro

Come Sviluppare un Business Online Come Secondo Lavoro

Una delle sfide più difficili per i piccoli proprietari di blog o di siti web è quella di avere a che fare con il poco tempo a disposizione per lo sviluppo e la progettazione del proprio business online.

Non è semplice lavorare 8 ore al giorno e dopo riuscire a sviluppare un proprio sito web, soprattutto quando si ha a che fare con i problemi familiari. I bambini e i coniugi non sempre riescono a comprendere che tu hai un tuo business da portare avanti. Loro chiedono solo il tuo tempo, a prescindere dai tuoi problemi o meno.

Per molteplici ragioni, la tua lista delle “COSE DA FARE” si allunga, e il tuo tempo a disposizione si accorcia. Questo è ironico considerando le costanti tecnologie emergenti che dovrebbero aiutarti a sviluppare più rapidamente il tuo business, ma purtroppo la realtà è spesso ben diversa.

Personalmente mi sono creato una tecnica che ho chiamato “Creare il tuo business online durante le pause giornaliere”, che ti potrà aiutare ad ottimizzare il tuo lavoro online, senza intaccare minimamente la gestione del tuo tempo libero e della tua vita familiare.

Vedi, il tuo problema non è che non hai abbastanza tempo. Ma che non sei ancora riuscito ad ottimizzare bene il tuo tempo. La differenza è sottile, ma precisa.

Quali tecniche usare per ottimizzare al meglio il proprio tempo?

crea un video reale della vostra azienda che va a racchiudere tutto ciò che è la tua attività, ciò che essa offre, come gli altri riusciranno a beneficiarne e quali risultati si possono ottenere. Non preoccuparti: non c’è bisogno di condividere questo video. Il video sarà solo per uso interno. Questo servirà solo ad ottenere una visione assolutamente chiara su che cosa il vostro prodotto o il servizio ha da offrire e a chi è rivolto. Se disponi di dipendenti, condividi tutto questo con loro, questo permetterà loro di avere la stessa visione della tua azienda e obiettivi.
Scriviti un elenco di tutte le attività che si desideri completare in un dato giorno. Supponendo che hai a disposizione solo una mezz’ora di lavoro su di esso, scrivi come è possibile eseguire queste attività nel più breve lasso di tempo.
Chiediti sempre: “Questa azione sta portando benefici alla mia attività?”. Se così non è, individua la soluzione migliore e prova nuove soluzioni. Ricorda che senza test, non si commettono errori, ma è proprio chi commette errori che apprende meglio e raggiunge il successo.

Naturalmente l’ideale sarebbe che tu avessi più di mezz’ora al giorno per lavorare sulla tua attività. Più ore a disposizione avrai, più massimizzerai il tuo tempo, e più aumenterà la probabilità di successo della tua attività. Il punto non è se hai o meno mezz’ora al giorno o 10 ore al giorno per lavorare al tuo business, il punto è come riesci a massimizzare gli sforzi per ottenere il maggior risultato possibile per il tuo business.

Lavoro

Come Lavorare in Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda è un paese geograficamente agli antipodi dell’Italia . Arrivare in questo lontanissimo angolo , sperduto , della terra vuol dire farsi 30 e più ore di viaggio .
Ogni anno più di 10.000 italiani decidono di farsi tutte queste ore per visitare una nazione definita , dalle agenzie turistiche , come un angolo di paradiso sulla Terra .
In Nuova Zelanda il 30% del territorio è costituito da natura selvaggia ; sono presenti 14 parchi nazionali , 20 parchi forestali , e 21 riserve marine , in aggiunta a 610 kmq di aree protette per ragioni paesaggistiche .
L’economia in Nuova Zelanda è dotata in primo luogo da una burocrazia snella e veloce . Infatti il fiore all’occhiello di questa nazione è quello di poter avviare un’impresa nel giro di un giorno , con l’ausilio di un solo documento . Inoltre l’imposta paragonabile alla nostra iva si aggira intorno al 12,5% .
Il mercato neozelandese è molto aperto agli interscambi commerciali con paesi esteri , questo per ovviare ad un mercato interno molto limitato dovuto ad uno scarso numero di consumatori (non arrivano a 5 milioni) .
La Nuova Zelanda ha un PIL procapite annuo di 21 mila euro ed è molto attiva nell’informatica (dove è stato testato il primo pagamento POS del Bancomat) , nel turismo e nella post produzione digitale cinematografica.

Economia Neozelandese : Ieri ed oggi

Negli ultimi trent’anni l’economia neozelandese, in passato prevalentemente agricola, si sta direzionando verso l’industria e il settore terziario. Dal 1985 il governo ha lentamente abbandonato il “protezionismo” economico iniziale, favorendo una politica di apertura verso i mercati esteri allo scopo di incentivare la crescita economica, anche se ciò ha provocato un progressivo aumento della disoccupazione.
Da sempre una delle più importanti fonti di ricchezza neozelandesi è l’agricoltura . Infatti, nonostante solo il 7% del territorio neozelandese sia coltivato, le fattorie neozelandesi risultano tra le più produttive al mondo. Le piantagioni più in voga sono quelle cerealicole (frumento, orzo, mais) e frutticole ( mele e kiwi). Un altro settore in via di sviluppo è la viticoltura. Molto ricercati , soprattutto gli italiani , sono proprio i laureati in agraria o i giovani sommelier .
Un altro punto fondamentale è quello dell’allevamento . Con forti introiti provenienti dal latte bovino e dalla vendita del latte di pecora .
Le attività estrattive riguardano carbone, lignite, ferro, pietre calcaree e oro. La Nuova Zelanda è ricca anche di fonti di energia . Sull’altipiano vulcanico sono costruite centrali geotermiche , mentre lungo fiumi e torrenti ci sono centrali idroelettriche .
A livello industriale spiccano i settori cartario, metallurgico, tessile, del legno, automobilistico, chimico, petrolchimico, dei componenti elettrici e tipografico.
Per quanto riguarda il turismo, come dicevamo precedentemente , questa nazione è in forte crescita . Ogni anno sono milioni i visitatori che decidono di visitare questo paese bellissimo e le sue incontaminate bellezze naturali .
L’economia neozelandese dipende poi in misura veramente molto importante dal commercio . Fino agli anni Settanta il più importante partner commerciale era il Regno Unito e l’esportazione si limitava essenzialmente a carne e prodotti come formaggi , latticini ecc… Dopo l’ingresso del Regno Unito nell’Unione Europea , i neozelandesi dovettero affrontare il protezionismo dei paesi occidentali e iniziò ad aprirsi a rotte commerciali con Australia, Giappone, Stati Uniti. Nel 2008 , oltre ai già citati Australia , Giappone , Stati Uniti e Gran Bretagna , la Nuova Zelanda è diventata la prima nazione ad aprirsi alla Cina con un trattato di libero commercio. La maggioranza delle esportazioni provengono dai prodotti agricoli e dai generi alimentari , mentre le maggiori importazioni provengono dai componenti e apparecchiature elettriche, petrolio grezzo, prodotti plastici, chimici e farmaceutici , autoveicoli, e metalli.

Abitare in Nuova Zelanda non è molto più costoso che vivere in Italia . Di seguito una media dei generi alimentari e servizi di prima necessità comparati con quelli italiani :

1 kg di pane ( N.Z. : 3,80 € – ITA : 3,16 €)
1 kg di carne (N.Z. : 13,50 € – ITA : 16 €)
1 L di latte (N.Z. : 0,90 € – ITA : 1,30 €)
1 kg di mele (N.Z. : 1,90 € – ITA : 1,70 €)
1 mese di affitto (N.Z. : 550 € – ITA : 700 €)
acquisto casa (N.Z. : 200.000 € – ITA : 170.000 €)

Per il visto di soggiorno dovrete dimostrare di possedere alcuni requisiti come la buona salute , la conoscenza della lingua inglese , la buona condotta . L’ufficio immigrazione usa un sistema a punti , maggiore sarà il vostro punteggio e maggiore sarà la possibilità che vi venga rilasciato un visto di soggiorno .

Per lavorare in Nuova Zelanda è necessario il LONG TERM BUSINESS VISA . Per ottenerlo è obbligatorio fare un viaggio in Nuova Zelanda , avere un bravo commercialista che conosca le leggi interne e l’inglese , che sappia come presentarvi un progetto d’investimenti . La cifra minima per chi non è del posto e vuole iniziare ad intraprendere è di 50.000 euro.
Il visto finale viene concesso dalla Immigration New Zealand di Londra e ci vorranno alcuni mesi per esaminare tutte le carte e concedervi il visto .